giovedì 25 dicembre 2014

Merry Christmas!

Un veloce saluto per augurare a tutti voi un buon Natale!!! Che siate accanto o lontano dai vostri cari. Soli al lavoro o circondati da amici!
Buon Natale a tutti!!!

A fast post for say at all of you a Merry Christmas!
I wish you a lovely day wheter if you are close to your parents and relatives or far from their!
I hope you could spend this magic day with your friends. And a beautiful day also to whom today have to work. 
Merry christmas!!!

mercoledì 10 dicembre 2014

Italian holiday

Hey guys what's up?

Guss what? I'm going to spend new years eve in Italy...
Yes!!!! I've already booked my flight. It will be awesome!!!!
I will see my mum, my sister and all her family! I will see my grandma....
Ok, let's talk about that from the beginnig!
In the last few weeks I worked a lot. Some week, i did it more than 70 hours... That because I had in my mind one target... Book my flight for go back Italy... Of course it will be just for 5 weeks, I'm not gonna stay there longer, I'm always sure that my life has to be here.
So, as I said, i worked and I still do it, because ticket for Italy it's really expensive... But, yesterday I bought it, so now I'm really really happy!
I'm going to fly with Emirates, one of the best airlines in the world. I'm going to stop in Dubai and then Malpensa (Milan)...
I will leave Australia the 29th of December and I'll be back the 8th of February!!!
I'm so excited due to i will meet also a lot of frieds! my italian friends, my suisse friends and maybe also from other country! I can't wait for that!!!!
I'm also looking foreward to see again my mum... She will pick me up at the airport! The same one where more than one years ago we had to say goodbye...
I would do something funny for that moment... Like I will grow my beard and i will wear some Oz t-shirt or some strange hat... I would see if she will recognize me!!!
I'm sure that she will! ahahahah
I'm also happy because in that date, my sister with the whole her family will be in my mum's house! So, i will have the opportunity to meet also my nephews...Julien and Samuel! The last one i saw just once, when he was just born... So i will be a unknown memeber of his family...
I can't wait also to hug my friends! I'll have a few dinner out. I'll meet also Domenico,my travelmate during the big roadtrip. Leo my housemate! Milene,my crazy lovely friend. Eva,my Friend with the F in capital letter. Sania, my cute little sister and Laura, a special friend of mine!
I've already organized a big dinner at restaurant with my friends from Lodi and another one with my Corse holiday mate...
Last but not the least i will have a lot of pizzas... The real one... Because in Australia, they called pizza something not even close to it.... And you usually have to pay more than 20\25 dollar for that...
So, yes, it will be also a food holiday.... I don't care about my weight! I'll lost all of this kilos when i'll be back in Perth, and as a poor student i won't have food in my fridge!!!
Keep in touch, because It's already started the countdown for my departure!
See ya guys! Take care!

lunedì 24 novembre 2014

3 jobs

Hi guys! 
I've told you that I would write one post every day for let you know about what's on in Perth.... Unfortunatly or fortunatly I've got two more jobs, so I don't have time to publish nothing.
Last week i have worked for 72 hours.... In one week! Crazy Isn't it? Anyway it's a good way for earn money and save it! I told you that in february I'm going to study and i won't have time to work so much....
So... I'm going to tell you about my new jobs
The first one is in a Catering company, called Beaumont. It used to organize party Around Perth and surround. I work as waiter. I have to wear as penguin, but it's not so bad. And the salari is ridiculos ( it means that it's very high!)
My second new job is in a french café in a shopping center! I'm the main barista. It's really busy. I made, last saturday, more than 7 kilos of coffe... If you think that in my café in Italy i used to made 1 or 2 kg per day....

Today i had my first afternoon off, so I've got time to write!
That's it. I'm too tired to keep writting...
Good day or good night and take care!!!

martedì 18 novembre 2014

Study in Australia

Hi, guys, how is it going?
I've got so many news for you that I don't really know from where to start...
First of all, I think you've already seen it... I'm writting in english... Yeah, my blog is going to have two part. The first one will be in English and the second one in Italian... I reckon, some people that I met,  and mayne also some guys, from not italian speaker country would like to read my experience in Australia. So here I am!

I want to start saying that I'm still in Perth... That's not so expected, after one year travelling around Australia, and after that I changed the place who I call home more than ten times....
Anyway, yes, even if I'd love to visit other place, live other experience, now it's time to stay in some place longer...

I live in a nice Northern Perth's suburb called Carine. I share the house with a couple and a friend of mine. Their name are Jackson (Oz guy), Lisa ( Irish chick) and Valentina (italian).
Ah, I almost forgot to say that I share my house also with a lovely dog called Denzel!
I've found a good job just 10 minutes from my home, in a mediterranean restaurant, and a couple of other jobs in the city, as barista and waiter.

Many things have happened since I wrote my last post.
I studied again in Lexis School, for 2 weeks. I did Ielts preparation course... I did the exam.... and.... I got it!!!! I score enough point to apply for my Univeristy here.
I'm so proud of me! When I saw in my e-mail the exam score, with a good mark, I started to jump around, screaming for the happiness!
I needed and overall score of 6 with no band under 5.5 in each part.
I took 6.5 with 7.5 in speaking, 7 in reading, 6 in listening and 5.5 in writing ( as you can see, my wrtiting skills are not so perfect!)...

Anyway, I could apply for my school, and now, I'm almost officially an Oz Student.
I'm going to study at Polytechnic West. My course it will be Associate degree in Network Technology, with major in Network Security.
This school isn't a really University, in Australia they call it Tafe. Is between High school and Univeristy...

It's really common here. I spook with a colleague of mine and she said that, sometimes is better to study at Tafe than in a normal university, due to it is more focused on practice skills, which help you to find easily a good job.
So... Now I'm waiting for the 16th of February,when my course will strart.
I always practice my english, and this blog would be a good way to do it, because I'm terrified, that, when my teacher will start to speak, I won't understand a word! It's a good challange. It push myself to improve more and more... And when I'll do it, it will be really rewarding! Nothing's impossible!

It's weird like just a small smell could remember you home.
While I'm writting, I smelled from my open window, the scent of the grass and it remembered me, I don't know why, my house in Mediglia, when I was child and teenager...
I miss my house? Yes, a little, but I fell like I've just left my house. Time here has gone so fast, and It look like yestarday, that i took the plane from Malpensa!
I thought to go back Italy for the 28th november and stay there for one month. I wanted so much make a good surprise for my mum's birthday... She will turn 60! It's an important event, like my 30!
But money are always not enough and flight ticket is so f... expensive... And my aim is to study hard, get my degree, my permanent residence and my Oz citizenship, so I have to be focused on it, save money, improve english and live here!
I will skype with here! And It will be like to be together!

Considering that, now, I won't have a lot to write, because my life is just home/beach and work, I thought would be interesting if every day I'll post some australian news from the news paper. I'll comment it. I think in Europe, you didn't really know about what's happened here, so maybe it will be really interesting...

Ok, I swet a lot for write this post in english! :-)
I wish you, guys, all the best for this lovely week which has just started! Keep in touch!
Bye bye!

Ora arriva la parte in italiano....

Ciao ragazzi, come va?
Ho così tante notizie da darvi che non so da dove iniziare.
Beh, la prima l'avete già notata, una parte del mio blog sarà in inglese. Essenzialmente scriverò in tutte due le lingue, magari non nello stesso post come sto facendo ora, però cercherò di farlo il più possibile.
Lo faccio perchè tanti amici mi hanno chiesto di farlo, non capendo l'italiano e poi perchè è un ottimo esercizio.

Voglio partire dicendovi che sono ancora a Perth. Questa cosa non era così scontata, dopo un anno a girare l'Australia e dopo aver cambiato più di 10 case.
Ora, però è arrivato il tempo di stabilizzarsi un po' e di stare per un periodo medio-lungo in un posto.
Comunque il mio spirito vagabondo e la sete di conoscere altri posti e altra gente non si è ancora placata... Quindi vedremo come mediare le due cose!

Ora vivo in un sobborgo della città chiamato Carine, è a nord ed è una zona residenziale per famiglie. Le porte qua sono aperte, nessuno ruba niente e un parco bellissimo è il cuore della zona. Ogni giorno, a qualsiasi ora, puoi vedere persone con cani, bambini, passeggini, che passeggiano, fanno qualche sport, dal cricket al baseball, dallo skate al calcio , corrono o semplicemente si rilassano sull'erba. E' bellissimo!
Vivo in questa casa con una coppia e una mia amica italiana. Lui si chiama Jackson ed è australiano, lei, Lisa è irlandese.  Valentina invece è venuta a vivere qua a settembre.
Ah, mi stavo dimenticando che condivido la casa anche con un cane di nome Denzel!
Ho trovato lavoro in un ristorante a 10 minuti da casa mia e un altro paio di lavori in città, sempre come barista o cameriere.

Tantissime cose sono successe dal mio ultimo post.
Ho frequentato nuovamente la Lexis, per circa 2 settimane. Ho studiato per preparare il test Ielts, quello che certifica la conoscenza della lingua inglese.
E l'ho passato! Mi serviva un 6 di media e niente sotto il 5.5 in ogni materia. Questo per poter applicare alla mia università.
Ho preso 6.5 come media, con allo speaking 7.5, al reading 7, al listening 6 e al writing 5.5 ( il mio punto debole, come si è capito anche dalla mia prima parte del post in inglese)...
Comunque sono così fiero di averlo passato al primo colpo e con discreti voti, anche considerando che stiamo parlando dell'ielts accademico e non del general che è comunque difficile, ma relativamente più facile...
Quando mi è arrivato il risultato via mail ho cominciato a saltare per la stanza e urlare di gioia!
Non mi andava di riprovarlo, anche per il prezzo di 350$...

Comunque ora ho potuto mandare l'iscrizione alla scuola e sono quasi ufficialmente uno studente australiano.
Studierò al Polytechnic West, un corso di nome associate degree  in Network technology, con indirizzo sulla sicurezza delle reti.
La scuola che andrò a fare, è molto comune in Australia. Non è una vera e propria università, ma una via di mezzo tra questa e una scuola superiore. E' come fosse un corso professionale, ma il cui titolo viene considerato come una laura.
Una mia collega, anzi, mi ha confermato che dopo il Tafe è più facile trovare lavoro che dopo una normale laurea, perchè questo è finalizzato a darti delle abilità pratiche, subito spendibili nel mondo del lavoro.
Quindi, ora aspetto il 16 di febbraio, quando questo corso inizierà.
Sto continuamente studiando inglese, con video, film e sto cercando di migliorare la mia capacità di scrittura in questa lingua. Questo blog mi può davvero essere utile in questo senso!
Devo migliorare ancora l'inglese perchè sono terrorizzato che il primo giorno di scuola, quando il prof entrerà dalla porta io non capirò una parola! :-(
E' una bella sfida, che mi spinge a dare sempre di più, ma con la consapevolezza che niente è impossibile.

E' strano come ogni odore ti possa ricordare casa.
Mentre sto scrivendo entra dalla finestra aperta un profumo di erba tagliata, che, non so perchè, mi ricorda la mia adolescenza, quando abitavo a Mediglia!
Mi manca casa? Si, un po, ma il tempo qua scorre così veloce, che mi sembra veramente ieri il giorno in cui ho preso l'aereo dalla Malpensa per venire qua!
Ho pensato di tornare a casa per il 28 novembre, e fare una bella sorpresa alla mia mamma, il giorno del suo compleanno, del suo 60esimo compleanno! Una data importante, come i miei 30!
Purtroppo non posso. I soldi non bastano mai e il biglietto aereo è veramente costoso.
Comunque il mio obiettivo ora è studiare sodo, ottenere il diploma, la residenza permanente e la cittadinanza. Quindi devo stare concentrato su questo, mettere via più soldi che posso, migliorare l'inglese e vivere qua. Ci sarà l'occasione di tornare!
Comunque per il suo compleanno ci sentiremo in skype e sarà come essere insieme.

Considerando che adesso non avrà più molto da scrivere, passando le mie giornate a casa/spiaggia e al lavoro, ho deciso di pubblicare ogni giorno una notizia presa dal giornale, perchè penso che in Europa le vicende che accadono qua non sono per niente conosciute. Credo possa essere interessante quindi scrivervi di fatti del quotidiano australiano, con qualche commento.

Ok, ragazzi! Questo è il primo post bilingue, non vi nascondo quanto ho faticato per farlo!
Ci sentiamo presto!

lunedì 1 settembre 2014

Che cosa facevo in cattle station?

Ciao ragazzi! Vi ho raccontato delle mie disavventure per raggiungere la farm, ma ,una cosa che molti mi hanno chiesto ,e' che cosa facevo effettivamente li. Qual'era il mio lavoro?
Vi sto parlando al passato ,perché da quasi due settimane sono tornato a Perth, avendo finito i miei 88 giorni. Addirittura ,vi sto scrivendo dopo aver già ricevuto il mio visto per il secondo anno!
Tornando all'argomento principale ,vi posso dire che erano diversi i lavori da svolgere. Infatti ,un giorno non era mai uguale a quello successivo. Se alla mattina tagliavi il ferro, il pomeriggio usavi il trattore. Se un giorno guidavi la jeep per chilometri e chilometri giusto per verificare che le cisterne di acqua fossero piene, il giorno dopo, mandriavi le mucche con moto aereo o elicottero.
Questa cosa ,sicuramente ,ha fatto si che il tempo passasse velocemente e che anche nella stanchezza trovassi sempre nuovi stimoli.
Riassumendo ,le attività che ricorrevano erano essenzialmente tre. 
Costruire tre nuovi recinti per le mucche. Ognuno destinato a circa mille capi.
Controllare le cisterne e ,nel caso non ci fosse stata acqua, trovare il guasto e  ripararle.
Sistemare o costruire ,ex-novo ,le recinzioni che dividevano come una scacchiera il terreno. Queste erano fatte di tre fili di ferro e uno di filo spinato. Immaginate chilometri e chilometri di fili metallici.
Un altro lavoro che ho svolto per due volte, ciascuna composta da un paio di giorni, e stato mandriane le mucche. Era l'attività più divertente!
A tutto questo, metteteci anche riparare qualsiasi cosa andasse usata, essendo tutto materiale e macchinari molto vecchi.
Ho quindi cambiato e riparato gomme, smontato, pulito e rimontato i filtri di olio e carburante di moto, trattori, auto e generatori; installato l'antenna, tagliato l'erba con il trattorino, preparato e spalmato il cemento, guidato il trattore per raccogliere sabbia e spostare oggetti pesanti. 
Un altro compito era controllare, sparando, che dingo e asini non si aggirassero per la proprietà.
I dingo perché pericolosi per le mucche e gli asini perché dannosi per taniche, tubi e recinzioni.
Mi sono quindi scoperto meccanico, muratore, cacciatore e saldatore!

Cosa vuol dire mandriare le mucche?

Immaginate un territorio che vada da Piacenza a Milano. Immaginate che in questa arida distesa non ci sia niente se non qualche mulino a vento e qualche cisterna d'acqua.
Ora pensate che in questo terreno ci siamo più di 10 mila mucche, che pascolano liberamente a branchi di 3/5/8.
Ok, ora pensate di doverne cercare circa un 1500 capi, radunarle e spostarle per un centinaio di chilometri fino ai recinti.
Ecco se non riuscite ad immaginare ancora la scena, vi posso aiutare dicendo che per scovarle nel territorio e radunarle si usava un aereo e due elicotteri.
Ora che avete capito di che dimensioni stiamo parlando, vi posso raccontare nel dettaglio il lavoro del cowboy.
La mattina presto, caricate le moto su delle jeep ci dirigiamo nel terreno stabilito, scarichiamo i mezzi, le taniche di benzina, ci dividiamo i compiti ( chi su due ruote, chi su quattro e chi in elicottero) e le radio e siamo pronti a iniziare la giornata.
Una squadra di circa due moto, guidati per radio dall'aereo, ha il compito di scovare le mucche, che a branchi di 3 o 4 pascolano libere e felici. Una volta trovate, con clacson, urla e sgasate, cercano di spostarle verso una radura. Questo lavoro viene ripetuto più e più volte finché nello spiazzo non sono radunate circa un migliaio di capi. A questo punto, con l'aiuto delle altre moto delle jeep e degli elicotteri, inizia lo spostamento verso i recinti. Si cercava di spingerle instradandole e scortandole. 
Non mancavano le soste per far rifiatare e bere il bestiame o quelle dovute alla fuga di qualche esemplare. Che andava rincorso, catturato e rimesso nei ranghi.
La giornata era lunghissima, sotto il caldo e con solo una tanichetta di acqua a forma di zaino sulle spalle. La polvere ti entrava ovunque e i rami ti graffiavano ogni parte non coperta del corpo.
Nonostante questo però, il lavoro era molto divertente e senza dubbio unico. Un'esperienza che mi rimarrà a vita. Come anche il resto del tempo passato nella cattle station.

C'è chi parla del mal d'Africa, come di quella sensazione di nostalgia che ti prende quando sei lontano da un posto che ti ha colpito e ti entrato nel cuore e nella mente. Ecco, non siamo in Africa, ma sicuramente l'outback Australiano mi è entrato dentro. La sua terra rossa, la sua selvaggia e sterminata pianura. I suoi animali. I suoi tramonti. Tutto mi rimarrà dentro, e anche ora che sono in città e sento il rumore delle auto e dei bambini che giocano al parchetto, ho ancora nelle orecchie il silenzio delle notti, interrotte solo dal gracchiare di qualche rana o dal muggito di alcune mucche.
Ho ancora negli occhi la luce della luna piena, che rischiara a giorno l'aia della fattoria. Il luccicare delle stelle, che a milioni si presentavano ogni notte e della via lattea, che divideva a metà l'arcata celeste.
Vedo ancora i canguri che all'alba come al tramonto saltano via, impauriti dalla nostra jeep. 
Tutto questo mi ha reso un po' più uomo e sicuramente più consapevole di quello che può essere realmente necessario e di ciò che invece è superfluo.
Sono grato a questa esperienza e sicuramente consiglio a tutti di viverla! 

sabato 30 agosto 2014

Cattle station

Ciao amici!
Ho tantissime storie da raccontarvi, e non so da dove cominciare!
Sono successe tante di quelle cose che questo post sarà lunghissimo.
Eravamo rimasti al mio lavoro come geometra.
Benché la paga fosse molto buona, fin da subito ho pensato di lasciarlo, causa la ripetitività del lavoro e la durata (11/12 ore) delle giornate che era estenuante.
Praticamente mi svegliavo alle 5.15, colazione e via verso l'ufficio. Da qui prendevamo la jeep del capo e insieme al mio collega/capo, Andy, ci dirigevano verso i vari cantieri.
Andy e' un irlandese che vive a Perth da quasi due anni. Abbastanza simpatico, ma super/iper stacanovista....
In cantiere il mio compito principale era di rilevare delle posizioni ( confini, margini di una strada, perimetri delle case) con il gps e martellare nel terreno un paletto di legno lungo un metro e venti. Questo serviva ad indicare il punto preciso a chi poi doveva scavare/costruire.
Questo lavoro, come vi ho già detto, andava avanti per ore e ore.
Non soddisfatto di come stava andando la mia vita australiana e messi via un po' di soldi, ho deciso di cambiare, ancora.
Ho messo un annuncio sul sito gumtree ( trovi e vendi di tutto) dove mi rendevo disponibile per un lavoro in farm, anche non pagato, ma che mi permettesse di completare i miei 88 giorni di lavoro in una zona rurale.
Due persone mi hanno chiamato. La prima a sud di Perth, per la raccolta di frutta e verdura e la seconda per un lavoro in una cattle station.
Quest'ultima è una fattoria che si occupa di allevare, marchiare/vaccinare le mucche per poi rivenderle.
Non pensate ad una normale fattoria italiana, in cui le mucche stanno chiuse in mangiatoie e le cui dimensioni sono ridotte.
Dovete pensare a immensi terreni, dove le mucche pascolano libere e dove per radunarle si deve usare l'aereo, l'elicottero, moto, quad e fuoristrada.
La fattoria in cui mi trovo ha un terreno immenso. Dalla strada principale da cui inizia la proprietà, ho guidato per 180km prima di arrivare alla casa.
Avete letto bene. Praticamente lo spazio tra Milano e Genova.
E se pensate che la casa e' al centro del suo territorio, vi siete fatti l'idea di quanto può essere immensa.
Capitolo arrivo in farm.
Guidando verso la fattoria, si deve lasciare la strada principale ed entrare su un sentiero sterrato di terra rossa. Ad un certo punto, il terreno, lascia lo spazio alla sabbia rossa. Ecco, esattamente in quel punto la mia auto si è insabbiata, senza possibilità di muoversi.
Mi sono trovato così nel mezzo del deserto rosso, a circa 40 km dalla casa, bloccato, sotto un sole cocente.
Sapevo di non essere spacciato, perché avevo chiamato i proprietari dicendo loro che se non mi avessero visto arrivare entro le 16.00 di venirmi a cercare.
Però, non potevo accettare questa sconfitta, così, ho deciso che dovevo riuscire ad uscire da quella situazione con le mie mani!
L'unico mezzo che avevo per scavare erano le pinne da snorkeling e le mie mani!
Ho iniziato a scavare e liberata la gomma, che era completamente affossata nella sabbia, ho messo due teli da mare sul terreno. Nella mia testa c'era l'idea che i teli avrebbero fatto da base per non fare affossare di più l'auto.
Questa cosa non e' servita. I teli sono a loro volta affondati nella sabbia e la frizione delle gomme su di essi, ne ha lacerato il tessuto.
Per inciso, mi piacevano quei teli da mare. Li ricomprerò!
Ad un primo tentativo infruttuoso, quindi ne è' seguito un secondo.
Ancora ho scavato con la pinna e le mani, ho tracciato due solchi verso una parte della strada che mi sembrava più solida e ho provato di nuovo e cercare di muovere l'auto.
Mentre lo facevo pensavo a quando in montagna, sono rimasto incastrato nella neve. Ho quindi provato ad andare avanti e indietro, per una decina di volte. L'auto cominciava a muoversi, ma anche a puzzare di bruciato.
Alla fine, non so per quale miracolo sono riuscito a muoverla e a salvarmi da quel pasticcio.
Posso dire che la neve mi ha salvato dal deserto!
Una volta rimessa in moto la macchina ho deciso che la velocità mi avrebbe aiutato a non ribloccarmi.
Ho quindi guidato per i restanti 40 km a una velocità di 80/100 all'ora.
Le curve le facevo a modi really. Contro sterzando per non finire lungo, fuori strada o contro un albero.
Ma alla fine questa strategia mi ha salvato e sono arrivato a destinazione.
Questa storia che vi sto dicendo, naturalmente non l'ho scritta ai miei famigliari.
Infatti, arrivato e sistemate le mie cose, ho chiesto alla proprietaria se avessi potuto mandare una mail a casa.
In questa mail ho scritto che era andato tutto bene, la strada era bella e lo sterrato era solo per pochi km. Questo naturalmente per non fare preoccupare. 

I proprietari che vivono in questo posto sono marito e moglie. Lei ha 32 anni e lui 43. Hanno anche una bambina di 3 anni.
Vi dirò di loro più avanti, per ora sembrano veramente brave persone.
Parlando, stasera ,ho capito che hanno deciso di vivere qua per cercare di stare insieme il più possibile.
Lui infatti era un camionista, di quelli che fanno lunghe tratte, e vedeva la moglie una volta o due a settimana. Quando è' nata la piccola, hanno deciso che dovevano stare più vicini, così hanno deciso di venire qua.

Per i prossimi tre mesi vivrò in questa fattoria. Ho una mia dependance. Con cucina, camera da letto, living room, bagno, wc. Una piccola casa.
Naturalmente molto molto rustica.
Ragni e serpenti potrebbero essere ovunque. Speriamo bene.
Vi racconto ora un piccolo aneddoto di stasera.
Faccio per andare in bagno, e vedo tre rane proprio sulla finestra di quest'ultimo. Penso che le rane non sono velenose e così alzo la tavola del wc, e da li, saltano fuori 5 o 6 rane! Incredibile, non sapevo cosa fare!
Una a una le ho cacciate fuori o dentro la tazza, tirando la corda.
So che domani le ritroverò esattamente nello stesso punto a farmi compagnia.
Quella delle rane in Australia mi mancava!
E' cattivo da dire, ma domani mi procurerò del veleno da spruzzare un po' ovunque.

La signora mi ha dato qualche consiglio per evitare serpenti e ragni velenosi. Mi ha detto che qua sono molto più che frequenti. Mi immagino già, nel sonno, qualche essere strisciante o peloso, camminarmi addosso. Brrrrr... Non ci devo pensare!
Spero veramente di sopravvivere a questa esperienza. 
Se leggerete queste mie righe vorrà dire che ce l'avrò fatta. Altrimenti vi saluto e vi ringrazio! 

giovedì 15 maggio 2014

Trent'anni australiani

Ciao ragazzi! Oggi vorrei fare un augurio speciale a me stesso! Gli ultimi 10 anni hanno fatto un po schifo... Spero nei prossimi 70! Tengo duro, anche se non e' facile! Inglese ancora traballante ( a volte pero' mi do delle soddisfazioni es: telefonate o capire film e canzoni) , lavoro duro. Molte ore e schiena a pezzi! Futuro incerto! Ma come ho detto, tengo duro e come si dice qua :" fuck off and keep going!"
Ciao ragazzi! 
E tanti, tanti auguri a me! 

venerdì 28 marzo 2014

Aiuto! Pronto polizia?! Tu tu tu tu tu....

Un poliziotto mancato.

Chio mi conosce lo sa, la mia idea di entrare in polizia è un chiodo fisso che ho per la testa.

Purtroppo in Italia questo non è stato possibile. Chissà qua in Australia!

Comunque, perché poliziotto mancato?

Perché in più di un occasione ho potuto notare che le mie doti investigative, di pedinamento e di raccolta delle prove sono spiccate.


Ma cosa è successo oggi?


Dopo una giornata di lavoro, io e il mio amico Riccardo, siamo stati in spiaggia per fare un po di surf al tramonto. Dopo poco ci ha raggiunto anche Carole, una ragazza belga.

Dopo un paio di ore di svago, cercando di cavalcare qualche onda, tornati sulla spiaggia, ci siamo accorti che lo zaino del mio amico era sparito e che nella borsa di Carole mancava il portafoglio!

Miracolosamente nel mio zaino, ancora presente, non mancava niente. Cellulare, portafoglio e chiavi di casa e della macchina erano ancora al loro posto!

Secondo il mio punto di vista, sono stato salvato dal fatto che in spiaggia, ora vado con la nuova sacca da un dollaro della footlocker, quella regalatami da mio papà. Questa borsa essendo molto spartana ed economica probabilmente non ha attirato l’attenzione dei ladri.


Dopo un primo istante di smarrimento, abbiamo cominciato a chiedere a tutte le persone in spiaggia se avessero visto qualcuno prendere i nostri zaini, ma come prevedibile,nessuno aveva visto nulla. Abbiamo provato a guardarci intorno, ma niente.

Allora abbiamo chiamato la polizia, che per telefono ha verbalizzato la nostra denuncia. Dopo abbiamo chiamato la banca per bloccare la carda di credito e il bancomat e li è scattata l’operazione “aborigeno”.

Si, perché, il signore della banca,ci ha informato che circa 5 minuti prima qualcuno aveva utilizzato la nostra carta in una zona a 15 minuti da dove eravamo. E l’aveva fatto per ben due volte. Al Mc Donalds e in un negozio di profumi, saponi, detersivi per la casa e bibite.

Allora risoluti siamo partiti in auto per quel posto, pronti a difendere i nostri diritti di derubati (usando un termine eufemistico). Durante il tragitto abbiamo richiamato la polizia, che invece di intervenire, ha di nuovo verbalizzato la nostra denuncia.

Arrivati sul posto, dopo circa mezz’ora dall’ora che ci aveva indicato il signore della banca, naturalemte nessuna ombra dei ladri. In effetti non sapevamo nemmeno che faccia avessero.

Abbiamo chiesto ai ragazzi del Mc Donalds,ma non si ricordavano e ci hanno solo detto che il manager il giorno dopo ci avrebbe contattato. Non so per che cosa. Comunque, dopo il fast food, abbiamo chiesto al negozio accanto, quello dove era stata fatta la seconda transizione e li la commessa si ricordava dei ladri. Ci ha comunicato che erano due ragazzini, aborigeni.Recuperata la loro immagine dalle telecamere di sicurezza, ci siamo recati nel comando di polizia di zona. E li è stato deprimente.

Il poliziotto, un sergente, ci ha detto che lui non poteva fare niente e che il reato era stato commesso in una zona non di sua competenza.

Non ha voluto nemmeno vedere le foto dei due ladri, perché volendo liquidare la situazione, ci ha detto che è pieno di aborigeni in quella zona e che non conoscendoli non ci avrebbe potuto aiutare. La mia idea, nel mostrargli la foto era quella che magari, quel poliziotto di zona avrebbe potuto conoscere i tizi, nel caso questi avessero già avuto a che fare con la giustizia ( come gran parte degli aborigeni) e che essendosi recati in quell’area dalla “lontana” spiaggia, probabilmente la loro residenza era da quelle parti.

Ma come detto il poliziotto non è stato di aiuto, non ha voluto vedere la foto, ha solo detto che anche se avessero bloccato il tizio con la carta di credito del mio amico, non era provato che fosse stato lui a rubare lo zaino, perché magari qualcun altro aveva commesso il reato e poi aveva passato la carta ad un altro. Si… e gli asini volano!

Neanche la notizia che i ladri avrebbero potuto guidare l’auto del mio amico, avendone le chiavi, e commettere ulteriori reati, ha smosso il super poliziotto.


Tornati al Mc Donalds, abbiamo provato a chiedere,foto alla mano, al manager del ristorante se avesso già visto quei due ragazzi e se per caso erano clienti abituali, ma anche qua senza risultati.


Morale della favola. Se avete bisogno di aiuto in Australia, non fate affidamento alla polizia.

Neanche se la aiuterete servendole su un piatto d’argento tutto il necessario per risolvere il guaio!


Quello che è successo oggi è il lato negativo dell’Australia, che non si differnzia molto dall’Italia o da qualsiasi altra nazione al mondo.

Gli insegnamenti da trarne sono due. Uno, mai portare lo zaino che tutte le proprie cose in spiaggia e diffidare sempre,ma sempre se qualche aborigeno vi gira intorno.


Come detto già un'altra volta questa popolazione è un allarme sociale per il Continente. Purtroppo non vogliono integrarsi e vivono, ubriachi e drogati, di espedienti. Questo mi porta sempre più a pensare che debbano essere ancora di più allontanati dalle città e da ovunque ci sia la brava gente.

E ancora una volta la mia domanda è la seguente :” Ma loro hanno rubato lo zaino e il portafoglio dei miei amici perché 400 anni fa, l’uomo bianco li ha colonizzati, uccidendo i loro figli e stuprando le loro donne?” . Non ci credo che la scusa continui ad essere sempre la stessa. Se i miei nonni dei nonni dei nonni avessero conosciuto la violenza e subito ogni genere di ingiustizia, io sarei stato un balordo?

A voi il giudizio.



In gita con papà

Ciao amici!

Eccomi qua!

L’ultimo mese è stato molto intenso, grandi esperienze, nuovi lavori, nuova coinquilina.

Ma andiamo con ordine.

Vi avevo raccontato che mio papà mi ha fatto visita ai primi di marzo e con lui abbiamo visitato Sydney.

Cosa dire di questa città. Meravigliosa.

Finalmente ho potuto vedere dal vivo l’opera house, l’harbour bridge e la famosa spiaggia di Manley.

Sydney, è una megalopoli, con circa quattro milioni di persone. Probabilmente ha perso gran parte del fascino australiano che aveva un tempo, ed è diventata una delle città più globalizzate che abbia mai visto. Probabilmente insieme a Melbourne è uno dei posti dove più difficilmente si posso incontrare i veri australiani.

La comunità asiatica è quella più numerosa. Esiste una vera e propria città nella città, chiamata appunto China Town, ma anche in altre zone, ogni negozio, ristorante o bottega è di proprietà di cinesi, giapponesi, taiwanesi o coreani.

Questo naturalemte rende l’ambiente ricco di profumi e sapori tipici dell’estremo oriente, è possibile cenare o fare la spesa a qualsiasi ora del giorno e della notte. Il lato negativo è che come dicevo appunto, si è un po perso lo spirito australiano.

Probabilmente questo avviene solo nel centro della città, mentre, credo, nei quartieri residenziali più esterni, gli australiani  continuano ad essere la maggioranza.

Il primo giorno, dopo il nostro arrivo, abbiamo visitato la famosa Opera House. Per chi non la conoscesse è la “Scala” di Sydney. E’ impressionante, non enorme, ma ricca di fascino. Quando si immagina questa terra, subito si pensa a questa costruzione. Un po come da noi il Colosseo. Si può vedere da terra, dalla barca, dall’aereo o dalla torre che si erge nel centro della city. Questa torre, alta poco più di 250 metri circa, permette di vedere tutta la città dall’alto. E si può notare come la continuità di palazzi e case, ormai, non lasci molto spazio al verde. Quest’ultimo è rilegato ai parchi, che seppure enormi e bellissimi, ricoprono ben poca area.

Sicuramente una delle zone da visitare è il darling harbour, una baia, che ospita il musei navale e una zona commerciale. Con nostra grande gioia e fortuna, proprio la sera del nostro arrivo, uno spettacolo pirotecnico ha illuminato a giorno la notte!

Un’altra area da visitare è la zona delle blu mountain. Con mio rammarico non c’è stato il tempo per andare, ma rimane una meta sulla mia lista delle cose da vedere.

Maley, la spiaggia più bella di Sydney, in realtà non ci ha lasciato soddisfatti. Forse dovuto al fatto che le aree costiere del western Australia sono le più belle del continente.

Questa affollata baia, raggiungibile con mezz’ora di traghetto dal centro città, è la meta preferita dei surfer. E qua, per la prima volta, con iniziali scarsi risultati, ho provato a surfare. Ho noleggiato una tavola piccola e non vi è stato verso di alzarmi in piedi, dopodichè l’ho scambiata con una molto, ma molto più lunga e ampia e i risultati sono diventati da soddisfacenti ad apprezzabili!

Tornato nella mia Perth, ho subito acquistato il surf, e ora devo dire che riesco nel 70% dei casi a cavalcare le onde…

Il tempo con mio papà è volato, e dopo solo dieci giorni, l’ho dovuto riaccompagnare all’aeroporto, e così come è apparso è scoparso dietro le porte a vetri opacizzate della zona controlli documenti.

Il tempo per un bel po di shopping non è mancato. Sia per me che per lui. Mi ha praticamente rifatto il guardaroba e mi ha pure regalato il suo pc, dato che ne ha comprato uno nuovo super moderno. Infatti qua, complice il cambio favorevole, tutto il materiale elettronico costa un 30% in meno.

Mi ha anche regalato una borsa/zainetto della footlocker. Questa oltre che essere molto comoda ha rivestito un ruolo fondamentale in un fatto accaduto proprio oggi (28 marzo) che vi racconterò nel prossimo post, dedicato appunto a questo argomento.


Il giorno della sua partenza ho anche, insieme a quattro amici, fatto un mini road trip di 3 giorni a nord di Perth. Guidato per duemila km, e visitato posti come shark bay e Monkey Mia ( dove di solito si può nuotare con i delfini, non è stato il nostro caso, in quanto con immensa sfortuna, neanche uno di questi mammiferi acquatici è stato avvistato!)

E durante questo viaggio ho anche preso la mia prima multa con autovelox. 150 $ per eccesso di velocià. Il limite era 70 e viaggiavo a 84. Soli 6 km/h in più e la multa sarebbe stata superiore ai 350 dollari….


L’ultimo argomento da raccontarvi è il cambio di coinquilini in casa mia. Ismaele, il ragazzo italiano che viveva qua è andato via, ed è subentrata una proveniente dalla Germania.Inizialmente la mia paura di ritrovarmi un'altra tedesca come quella del mio viaggio era molta. Però da quel poco che ho potuto conoscerla, non sembra male. L’ho potuta vedere poco in questi giorni perché da una settimana o poco più, ho iniziato a lavorare in un ristorante come aiuto cuoco e lavapiatti. Il lavoro è veramente una m…., ma lo stipendio è buono, le ore, sono molte e quindi per ora va bene. Questa mattina ho avuto anche l’opportunità di mostrare le mie doti da barista in un colloquio presso un bar fronte mare. E anche qua sono stato assunto. Alla faccia di chi dice che in Australia non ci sia lavoro. Ora devo prendere una decisione. Continuare al ristorante, passare al bar o se gli orari non dovessero coincidere, lavorare in tutte e due i posti.

Questa cosa, anche se mi renderebbe molto “ricco”, dall’altra parte, mi porterebbe ad un esaurimento prematuro. Vediamo, magari potrei fare entrambi i lavori un paio di mesi e poi lasciare quello che mi soddisfa (anche economicamente) meno. Vediamo!

Ultimissima notizia, da domenica inizio la scuola di surf. Ho prenotato quattro lezioni. Vedremo se riesco un po a migliorarmi!

Ciao a tutti e a presto con il nuvo post. Questa volta vi racconterò un lato negativo dell’Australia.


martedì 18 marzo 2014


Ciao amici! 
E' in arrivo un nuovo post con tutti gli aggiornamenti della mia vita sotto sopra! Vi anticipo solo che è' stato qua mio papà, sono stato a Sydney e ho fatto un mini viaggio di 2 mila km a nord di Perth! E.... Forse riprendo il mio viaggio intorno all'Australia.... 
A presto quindi!

sabato 1 marzo 2014

Momento di stallo

Ciao amici!
Come state? Qua fa sempre un caldo opprimente. Oggi ci sono 38 gradi e non un filo di vento! Non avrei mai pensato di dirlo, ma mi manca l'inverno!
Dal post di metà febbraio un bel po' cose sono accadute.
Partiamo dal lavoro.
Quel disonesto ( usiamo questa parola per essere educati) del proprietario del bar dopo una settimana che mi aveva assunto ha deciso di chiudere baracca e burattini e vendere il bar, lasciando tutto lo staff per strada.un brutto colpo, anche perché avevo appena lasciato il lavoro nell'ice cream van per dedicarmi a tempo pieno a questa attività. E in più, non mi sta pagando per le 25/30 ore che ho lavorato da lui. Tutto il mondo e' paese, direbbe qualcuno, ma io mi chiedo se non siano proprio le origini italiane( calabresi) del proprietario del café ad avere influito sul suo comportamento. Mah....
Comunque ora sono senza lavoro. Potrei richiamare Tim, il proprietario del van dei gelati, ma preferisco cercare altrove, lasciandomela come ultima possibilità . Intanto ho già fatto un colloquio e un altro ce l'ho lunedì. Vedremo, intanto incrociamo le dita!
In questo tempo ne ho approfittato perché una mia amica era di passaggio a Perth per una settimana e quindi, data la mia attuale posizione di disoccupato, ho passato un po' di tempo con lei. Ieri l'ho accompagnata all'aeroporto dove sono arrivati i suoi genitori dalla Svizzera. E' stato bello vedere l'incontro madre/padre figlia dopo 5 mesi di lontananza. Anche commovente. 
Ieri sera poi l'ho salutata con un po' di tristezza per l'ennesimo addio. 
E mi sono preparato a quello che sarà il mio di incontro. Ebbene si, perché il 4 marzo verrà qua, in Australia, mio papà!
Attualmente è in Vietnam da un mesetto, e arriverà qua per stare con me una decina di giorni! 
Ho anche prenotato un andata e ritorno in aereo per Sydney. Lui voleva vederla e anche io, dato che nel mio road trip sono arrivato solo a Melbourne.
Sarà l'occasione per fargli vedere le bellezze di Perth e dintorni!

Spero che anche mia mamma e mia sorella con tutta la sua famiglia possano venire a trovarmi, ma credo che sia dura. Almeno per ora! D'altronde lo sapevo quando ho deciso di venire qua!
Ma sicuramente qua è meglio che li, dato quello che ho potuto sentire. Esempio crisi sempre più forte, disoccupazione in aumento e un nuovo Presidente del Consiglio mai votato da nessuno. E' il terzo in 3 anni.... Che sia bravo o no, che sia onesto o no, che sia la soluzione o l'ennesimo ladro di galline, questo non lo so, ma e' scandaloso che la democrazia e la Repubblica in Italia sia morta. 

Va beh.... Lasciamo perdere la politica e pensiamo al mare. Ora vado in spiaggia, ho appena comprato delle nuove mini-pinne per il bodysurf. Voglio provarle subito! 
Ciao ragazzi! Take care! See ya!

venerdì 14 febbraio 2014

Quello che voglio!

Ciao amici! 
Per prima cosa volevo scusarmi con voi per la mia assenza di quasi due settimane, ma ho avuto veramente tanti, ma tanti impegni.
In verità ne ho due, o meglio ne avevo due... Anzi cinque! No, non sto dando i numeri, ma questa cosa, che in Italia ha dell'incredibile, qua e' una realtà! 
Primo lavoro ( che terrò per i prossimi sei mesi) e' in un bar. Sarò il barista di un café/ristorante di fronte all'oceano!
Secondo lavoro ( che ho appena lasciato questa mattina per dare spazio al primo) ice-cream dealer in un furgoncino.
Terzo lavoro ( che ho rifiutato perché la paga era da fame e in nero) da un italiano che ha aperto una pizzeria, avrei dovuto fare l'aiuto cuoco e il barista.
Il quarto lavoro era in una pasticceria. Credo che avrei dovuto fare il barista e la preparazione di dolci da colazione e torte. Al colloquio per questo impiego non sono andato perché ero già stato assunto nel bar.
Il quinto lavoro era al mcdonalds, nel McCafe'. Anche qua ho declinato l'invito al colloquio.
Trovare un posto, in cui guadagnare qualche soldo, quindi, per me, e' stato molto semplice. In Australia c'è un sito di nome, che contiene annunci di tutto. Dalle auto, alle case alle offerte di lavoro.
Ho dovuto solo visitarlo e mandare il mio curriculum e la lettera di presentazione alle varie aziende che stavano, appunto, cercando personale. E dopo alcuni giorni, una settimana al massimo i risultati si sono visti.
Devo dire che inizialmente mi ero un po spaventato. Sentivo e vedevo amici che non riuscivano a trovare niente, forum pieni di persone che supplicavano un lavoro o che facevano i bagagli per tornare in Italia senza più un dollaro in tasca.
La mia preoccupazione era dovuta anche al fatto che nei primi tre o quattro giorni nessuno mi aveva risposto alle mail.
In verità il signore del van mi ha richiamato dopo un giorno, però' il suo annuncio l'ho scovato solo dopo la prima settimana di ricerca.
Io credo che veramente qua le opportunità ci siano. Probabilmente chi viene con un visto di studio o che non ha esperienza, incontra più difficoltà. 
Esperienza, ebbene si, questa parola mi ha fatto venire in mente quanto la casualità della vita in fondo abbia un quadro ben delineato. Perché? Semplicemente perché se non avessi avuto un bar in Italia e quindi una certa attitudine o abitudine a lavorare dietro alla macchina del caffè, il mio attuale lavoro non lo avrei mai trovato. E quindi, in fondo, quel posto, a Mediglia, che per un po' ho dovuto sopportare e farmi piacere, alla fine mi è' servito per potere essere assunto qua in Australia!

Il colloquio:
Una ragazza di nome shannon, mi manda una mail lunedì sera scrivendomi se ero ancora interessato ad una prova per un posto da barista in un locale a north beach.
Io le rispondo che sicuramente sono interessato e che casualmente il giorno dopo sarei stato in ferie dall'altro mio lavoro, e che quindi, se per lei stava bene, sarei potuto andare la mattina seguente alla prova.
Lei mi risponde di si, mi da l'indirizzo e mi dice che devo presentarmi alle 9.30 in completa tenuta nera.
Scarpe, pantaloni, e camicia. 
Io di nero, nella mia valigia, avevo solo le mutande! Ahahah
Ragiono e mi dico che a quell'ora tutti i negozi erano chiusi, e che quindi avrei dovuto andare la mattina seguente, presto, a comprare il tutto.
Così è stato! Alle 8.00 appena aperto il kmart ( un negozio che vende un po' di tutto a prezzi stracciati) 
sono entrato e ho comprato tutto!
Dopodiché mi sono fermato in un parcheggio in riva al mare e mi sono cambiato.
Puntuale come un orologio svizzero, mi sono presentato al colloquio/prova e subito mi hanno chiesto di preparagli un cappuccino. Io l'ho fatto e devo dire anche particolarmente bene, e la loro reazione e' stata di stupore!
Credo che molta gente qua millanti false esperienze per trovare un lavoro.
Comunque, dopo quel cappuccino hanno cominciato a spiegarmi le dinamiche del bar e ho cominciato da subito a lavorare ( sempre in prova) .
Dopo un paio di ore, mi hanno chiamato e chiedendomi se il posto mi piaceva, mi hanno dato i fogli da compilare e restituire per essere assunto. Mi hanno anche parlato del salario e li mi si sono spalancati gli occhi. Parliamo di più di 1000 $ a settimana, che al cambio attuale sono all'incirca 750€ . Only in Australia!!!!
Un paio di giorni dopo li ho restituiti e ho fatto altre ore di addestramento.
Domani sarà il mio primo giorno ufficiale!

Perché ho lasciato il van dei gelati?
I motivi sono vari, il primo e' il tipo di contratto che voleva farmi. Voleva che aprissi una specie di p. IVA , e che lavorassi, quindi, in proprio.
Il secondo motivo era la paga, che seppur buona non raggiungeva i livelli dell'altra
Il terzo motivo era il tipo di lavoro. Seppur non mi dispiacesse ho trovato più stimolante e appagante lavorare in un bar e non in un van. Anche avere colleghi e non essere sempre solo e' un fattore che ha inciso sulla mia scelta!

Questa dunque la mia situazione attuale.
L'auto l'ho comprata e mi ha già dato le prime noie.
Si è' rotto un pezzo ( non chiedete i quale perché sono molto ignorante in materia) del servosterzo e perdendo olio svuotava una vaschetta che credo si chiami idroguida e rendeva durissimo il volante.
Già mi immaginavo cifre assurde, invece me la sono cavata con soli 120 dollari!

La casa e' sempre perfetta.

Insomma, per ora sta andando alla grande! Vedremo in futuro! 

Ciao ragazzi! Buona giornata a tutti!!!

domenica 2 febbraio 2014

A perth

Ciao amici! Sono a Perth! 
Ieri sono passati degli amici dalla farm in cui stavo e mi hanno dato un passaggio verso la città. Così non ho dovuto comprare il biglietto del bus.
Vi avevo detto che sarei stato in ostello, invece sono arrivato direttamente nella mia nuova casa.
E' bellissima. Una villetta su due livelli . Al primo piano abbiamo cucina a vista con enorme salone, un bagno con lavatrice e giardino con bbq tavoli e sedie. Al secondo ci sono tre stanze e un altro bagno con la doccia. La casa e' nuova e veramente pulitissima. E ha la lavastoviglie!!! 1000 punti!
Insieme a me vivono qua tre ragazzi. Una coppia, Elena e Diego e un altro ragazzo di nome Israele.
Questa e' l'unica cosa negativa, perché avrei voluto fossero stranieri, per parlare inglese. Ma poco importa perché io sono sempre fuori casa e pure loro a causa del lavoro.
Ho , forse, trovato anche un lavoro. Praticamente farò il barista/gelataio in un furgone. Come quelli che potete trovare davanti allo stadio. E' un buon lavoro perché mi permette di fare molte ore e quindi guadagnare di conseguenza. Ho la risposta definitiva domani o dopo. Ma credo che non ci siano problemi. Vedremo!
Ho anche in programma di comprare un auto. L'ho già trovata. Una Ford abbastanza tenuta bene e con pochi km secondo gli standard australiani! (200 mila km) . Il prezzo e' di 1800 dollari. Domani vado a provarla e se mi piace la compro. Qua a differenza dell'Italia l'auto la porti a casa subito e poi hai tempo 15 giorni per fare il trapasso. Che si fa online e che costa 50$... Notate qualche differenza con la nostra motorizzazione?!???
Iniziamo una nuova fase della vita australiana e speriamo che le cose vadano nel verso giusto.

Un altra grande novità, di cui non ricordo se ve ne avevo parlato e' il fatto che da ottobre sarò in Nuova Zelanda. Ho deciso di andare li per svariati motivi. Il primo e' l'amore per il viaggio. Per la scoperta di nuovi posti e per l'avventura. Il secondo perché dicono che sia bellissima e terzo perché sembra che ci sia più lavoro e che la possibilità di rimanere con un visto lavorativo sia più alta rispetto a qua. La cosa buona e' che una volta che diventi cittadino permanente neo zelandese, puoi andare in Australia a vivere senza alcun problema. Senza bisogno di visti . Un po' come succede da noi per le nazioni facenti parte della Comunità Europea. 

Vi saluto e vi abbraccio!
Ah, volevo ringraziare ancora una volta tutti quelli che mi leggono e mi fanno i complimenti per i post! Ci vediamo!

Ultima sera a Uralla

Ciao amici! 
Questa e' la mia ultima sera ad Uralla. Sebbene sia felice di tornare alla realtà cittadina, mi dispiace un pochino. E' stata una buona esperienza. Probabilmente con un po' più di comodità, meno francesi ( dai, non sono così male) e magari un amico con me; questo posto sarebbe stato perfetto!
Ma si chiude una porta e cerchiamo di sfondare il prossimo portone!
Quali saranno i miei prossimi passi? Numero uno : tornare a Perth e posare le mie cose in ostello. Dove starò per 8 notti.
Secondo: comprare un'auto. Voglio spendere massimo 2000 $ ( 1400 €) .
Terzo : trovare un lavoro. Sicuramente cercherò ovunque. In ordine supermercati, bar, ristoranti, ogni altra cosa mi permetta di guadagnare circa 700 dollari a settimana.
Ho già trovato una casa in cui starò per un periodo abbastanza lungo. Andrò a vivere in una villetta insieme ad altri 2 ragazzi e una ragazza, una mia amica!
Spero tutto fili liscio!
Torniamo a questa sera. Dopo aver cenato darò per l'ultima volta il latte ai miei canguri. Non vi avevo detto che qua ognuno di noi ha tre o quattro cangurini da curare. Parlo di canguri veramente piccoli , è preferibile che la stessa persona tenga cura di loro e che questa non cambi ogni giorno. I miei tre si chiamano : Zack, Jude e Shoae . Riconoscerli in mezzo ad altri 50 e' abbastanza ardua. Almeno nei primi giorni, ma poi ci fai l'occhio. 
I dingo però rimangono sempre i miei preferiti! Conosco meglio i cani e quindi posso capire quando sono felici, arrabbiati, affamati o vogliono giocare.
Penso che a causa della burocrazia italiana, riprodurre il modello Uralla in Italia, sia impossibile, ma sarebbe una gran cosa per salvare i cani abbandonati. 
Ragazzi, vi saluto perché mi aspetta una lunga serata, e domani un lungo e gran giorno! Il bus parte alle 6.30 dal paese vicino, quindi la sveglia e' alle 5! 
Ciao a tutti!
Un saluto a mia mamma, mio papà e a mia sorellina ( e a tutta la sua famiglia)... Sono parecchi giorni che non riesco a comunicare con loro, e sento un po' la loro mancanza.... 

domenica 26 gennaio 2014

La vita tra serpenti ,ragni e canguri..

Quarto giorno di farm. A volte penso di essere in una gabbia di matti! Il capitano della squadra e' Elene o Helen, ancora non ho imparato. E' la ragazza che mi era venuta a prendere il primo giorno alla fermata del bus. Lei, con alcune pause e' più di un anno e mezzo che è qua! Non so se venga pagata, lo spero per lei! O se voglia diventare la nuova San Francesco. Di sicuro e' sulla buona strada perché parla con gli animali, se li porta in camera e ci dorme insieme. E' un po' la capa qua dentro. Coordina tutti e ha sempre la situazione sotto controllo.
Avete presente una comune ( almeno, credo che si dica così), uno di quei posti dove la gente vive tutta insieme, lavora, si auto produce il cibo, il bere e vive di soli beni primari. Ecco qua è' così!
Oggi e' una buona giornata! Nessun serpente mi ha morso, nessun ragno a provato a mandarmi al creatore.... Ahahah! Scherzo! Oggi è' una buona giornata perché ho appena sentito per mail un mio amico, uno dei ragazzi che frequentava con me la scuola, e forse, mi raggiunge qua verso i primi di febbraio. Mi farebbe molto piacere!
Un piccolo aneddoto. Ieri mattina ho passato tutta la giornata verniciando dei pannelli di plexiglas per il nuovo tetto della fattoria. L'ho fatto in un vecchio capanno . Ecco, proprio in quel luogo, dopo circa venti minuti che avevo finito e' stato visto e scacciato un enorme serpente nero. Super velenoso! Uno di quelli che se ti morde non devi neanche perdere tempo a chiamare i soccorsi, perché tanto sono inutili! Solo ringraziare e andartene tre metri sotto terra, come pappa per i vermi!
Insomma, ho reso l'idea? Ecco! Anche io mi sono reso l'idea da solo ( questo italiano e' abbastanza da rivedere). Sono stato fortunato, ma non avendo sette vite come i gatti, da adesso in poi, farò molta , ma molta più attenzione a dove metto i piedi! E se deve succedere.... No, dai! Non succede! 

Vi racconto nel dettaglio la mia giornata di ieri, così da dare l'idea effettivamente di cosa sto facendo.
Alle 6.45 mi sveglio e dopo una veloce toilette sono pronto per la prima allattata delle 7, poi una seconda alle 8.30 . Finita questa il mio compito e' quello di riempire tutte le enormi ciotole d'acqua per gli animali! Quindi riempio quelle dei canguri, quindi delle pecore, quelle delle capre, non mi faccio mancare quelle degli emù e per finire riempio le ciotoline di galline e polli!
Finito questo lavoro, e' ora di pensare a me. E insieme a tutti gli altri facciamo colazione. Solitamente a casa, in città, prendo un succo di frutta e una brioches o un paio di fette di pane e Nutella, ma qua, complice il fatto che faccio colazione tre ore dopo la sveglia,che ho una fame incredibile e che per il pranzo devo aspettare quattro ore, durante il quale svolgo svariati mestieri, ho deciso di nutrirmi all'inglese! Quindi mi faccio un bel panino con formaggio, bacon o prosciutto e uova strapazzate! Il mio fegato non mi ringrazierà, ma d'altra parte, come si dice... La colazione e' il pranzo più importante della giornata!
Si susseguono svariati lavori che cambiano di giorno in giorno, e che occupano la parte centrale della giornata! Naturalmente intervallati da qualche allattata.
Parlo di allattata, perché qua i canguri di cui ci occupiamo bevono realmente il latte! Con yogurt, vitamine, olio di pesce e altre sostanze di cui so il nome, ma ignoro la composizione!
Pranzo veloce e via, di nuovo ad allattare!
Il pomeriggio e' abbastanza noioso! Siamo liberi,salvo necessità , fino alle 17.30. Ma qua, lontano anni luce da qualsiasi svago, la nostra libertà si riduce a sbirciare velocemente cosa succede nel mondo sul sito dell'ansa e nella nostra cerchia di amicizie sul sito di Facebook! 
Cena alle nove circa e ultima allattata alle dieci. Poi di corsa a nanna! Con o senza doccia. Questo dipende da che giorno è! Si, perché , come vi ho già detto, qua la doccia e' possibile farla solo un giorno su due. Alcuni la fanno addirittura uno su tre. Ma io mi rifiuto! Fa veramente caldo! I lavori sono pesanti e il sudore e' parecchio! Lo so! Starete pensando che ogni locale sia saturo di odore di sudore, invece no! Perché è' saturo di odore di "cacca" di canguro!
Che bello! Sogno lenzuola candide e profumo di sapone di Marsiglia e violetta selvatica! 
A proposito di sogni... Ho iniziato, da alcune notti a sognare in inglese. Almeno, credo!  La gente nel mio sogno parla inglese e parla con canguri enormi! 
Questo è' un sintomo che sto migliorando. Un altro e' che capisco un po' di più senza dover pensare alla traduzione! Ma sono ancora molto lontano dal parlarlo e dal capirlo bene! E questa cosa a volte e' frustrante! Penso a quante parole conosco in italiano! Parole come sinergia, aneddoto, collisione o prostrarsi! Insomma milioni di parole compongono una lingua! E credo che finché non le imparerò tutte, sarà difficile poter dire di sapere l'inglese come un madrelingua!
Non so come abbia fatto mia sorella! Lei praticamente sa tutto in francese! 
Scusate, vi devo lasciare, e' ora di allattare! Quindi vi saluto e alla prossima! Vi parlerò delle donne di casa!

La farm

Ciao amici! Provo a scrivere qualche cosa,anche se sono stanco morto! 
Ieri al mio arrivo alla fermata del bus, a Mount barker, c'era una ragazza di nome ancora ignoto, che mi stava aspettando. A dire la verità e' arrivata proprio in contemporanea con il mio pullman. Tempismo perfetto! Sono salito con lei in auto , un vecchissimo residuato della conquista inglese. Scherzo, ma era veramente , anzi, e' veramente vecchio e malandato. Parlando ho scoperto, che la ragazza e' francese , e precisamente di un paesino dell'Alsazia, vicino a griesheim. La cittadina in cui vive mia sorella! Il mondo e' veramente piccolo e i francesi sono ovunque... O per lo meno sono ovunque qua in Australia. Anche noi italiani abbiamo un aliquota superiore al centinaio di migliaia. Quindi diciamo che siamo cugini anche in questo.
Appena arrivato alla farm, ho scoperto di essere l'unico maschietto. Questa cosa potrà far dire ai maliziosi :" beato te!" , ma in verità e' un po' un problema perché i discorsi sono per lo più femminili e non riesco quindi, almeno in principio a legare troppo. Questo è' dovuto anche al fatto che tutte e sei le ragazze sono madrelingua francese. Vengono infatti dal Paese transalpino o dal Canada.... Capirete che l'inglese, anche se abbondantemente usato, lascia talvolta spazio all'altra lingua. Ma proverò ad integrarmi.
Per quanto riguarda il lavoro, alterno fasi felici a momenti in cui vorrei scappare! Non perché il mestiere sia duro ( tranne oggi che ho dovuto spalare e scarriolare una montagna di sabbia per costruire la cuccia di un dingo e di un cane, che si crede un dingo!) , ma perché è talvolta noioso e soprattutto occupa tutta e dico tutta la giornata! La prima allattata e' al mattino alle 6.45 e l'ultima alla sera alle 10.... Durante la giornata se ne susseguono una all'altra! Ora vi starete chiedendo come si allatta un canguro.... Semplice... Come un bambino. Lo si prende in braccio e gli si da il biberon. Questi ultimi devono ogni volta essere lavati e riempiti... Usiamo il latte in polvere da mescolare con l'acqua. 
Non so perché, ma vedo in questo un qualche cosa che va contro natura. Ho sempre studiato che la selezione naturale decide chi deve vivere e chi deve morire.  E poi, abituiamo degli animali che per loro natura sono selvaggi, a vivere come dei cani da appartamento. 
Mia mamma, credo, pagherebbe per poter stare qua. Anche se non so se apprezzerebbe i cangurotti tanto quanto i suoi cani! 
Vi saluto e vado a dormire perché domani la sveglia e' alle 6.45!!!!

martedì 7 gennaio 2014

From Perth to Mt. Barker

Ciao amici!
Si inizia!!!! Ho appena preso il bus che mi sta portando in farm! Percorrero' questi 600 km verso il nulla, verso questa nuova avventura! Sono preoccupato, felice, eccitato, ansioso, speranzoso e convinto che sia una grande esperienza!
Questo bus fa parte della compagnia transwa che si occupa di collegare tutte le cittadine nell'area attorno ( con un raggio di 1500 km) a Perth. In pratica collega tutte le zone del Western Australia. Non e' molto confortevole. I sedili sono abbastanza stretti e lo spazio per le gambe molto limitato. 
Ho appena assestato un paio di calci allo schienale della signora davanti a me che si era concessa il lusso di reclinare il sedile. Mi ha guardato e io con faccia angelica ho detto :"sorry!"... Ha capito e l'ha rialzato subito ! Questa e' comunicazione internazionale! 
Per chi si fosse dimenticato, sto andando in una fattoria chiamata Uralla Wildlife Sanctuary. Qua faro' tre mesi di vita da campagna. Mi occupero' di accudire in tutto e per tutto gli animali australiani ( dingo, wallaby, canguri ed emu).
Questo per rinnovare il mio visto per un secondo anno!

L'ultima volta che vi ho scritto eravamo ancora nel 2013. Ma vi starete chiedendo cosa e' successo a Melbourne? Come e' andato il capodanno? 
Come vi avevo scritto questa grande citta' e' molto vivibile. Il centro e' enorme e pieno di gente. Purtroppo pero' ha anche due grandi difetti, che faranno la differenza su una mia importante scelta che vi diro' in seguito. Il primo e' il tempo. Veramente mutevole e tendenzialmente molto freddo. Il secondo e' il mare. All'interno dell'enorme baia il mare e' marroncino giallastro. Stile adriatico per intenderci. 
Per me queste due cose sono importantissime! E poco importa se ci sono il quadruplo dei club di Perth o palestre o ristoranti o negozi. Nulla vale la vista del mare al tramonto o una nuotata nell'azzuro delle sue acque. 
Il capodanno e' stato magnifico. L'ho passato insieme ai miei amici, a Stefano, un mio ex compagno dell'universita' e due ragazze che frequentavano la scuola di inglese con me e che si trovavano di passaggio lungo la rotta del loro viaggio. I fuochi sono stati carini, non paragonabili a quelli di sydney, ma neanche a quelli di Lodi sull'Adda durante la festa di meta' luglio. Incredibile ma vero! 

La vita in ostello, come forse vi avevo gia' detto e' abbastanza strana. Per non dire bruttina. Si vive in spazi ridotti. Senza privacy e si deve condividere un bagno in parecchi. E se mi posso permettere. Tra italiani e francesi non so chi sia il piu sporco e maleducato nel lasciare il bagno pulito dopo averlo usato. La cosa bella e' che si conosce gente. Simpatica, antipatica, strana e pazza!
Un saluto a Risa. Una giapponese divertentissima! Faceva morire dal ridere quando diceva solly invece di sorry e leally invece di really. Lei sapeva che ridevamo, senza cattiveria di questa cosa, e stava allo  scherzo! 

Ieri mattina ho sorvolato il continente in senso opposto rispetto al mio viaggio in van e ho riconosciuto parecchi luoghi dall'alto. Arrivato a Perth, sono tornato dalla mia famiglia homestay e ho dormito li una notte gratuitamente. E per questo li ringrazio infinitente! Questa mattina mi ha fatto trovare anche la nutella. Perche' sapeva che a colazione mangio solo quella. Grazie mille!!!!
Ieri ho rivisto i miei amici. Molti se ne sono andati, ma altri c'erano. Spiaggia e bbq! Come ai vecchi tempi! 

Vi dicevo di una scelta importante che ho preso. Ebbene, ho deciso di frequentare l'universita' a Perth e non a Melbourne.  E' la mia citta' preferita fino ad ora ed e' quella in cui mi piacerebbe invecchiare! Magari nella mia casa in riva all'oceano! Con un balcone che da sulla piscina. Magari... Ma rimaniamo con i piedi per terra!
Un altra decisione che sto maturando e' quella di rimanere a perth da aprile a ottobre lavorare e mettere via i soldi per... Studiare.
Ebbene si. Viaggiare e' bellissimo e lo faro' ancora! Visitare thailandia, nuova guinea , polinesia o vietnam saranno altri obbiettivi da conquistare. Ma devo pensare al futuro. E devo superare un esame , chiamato ielts con un punteggio di 7 su 9 come minimo. Cosa difficile anche per i madrelingua. Questo perche' serve come prerequisito d'ammissione alla facolta che voglio frequentare. Che per inciso e' il corso da paramedico. Quindi ho capito che devo frequentare nuovamente una scuola di inglese, con un corso piu impegnativo e specifico, fatto apposta per preparare i " somari" all'esame ielts. Il problema e' il prezzo. Non so dirvi esattamente quanto, ma so che e' molto costoso. Parliamo di quasi 4 mila dollari. Ma credo che sia necessario. Vedremo! Il futuro sta cambiando ad ogni angolo! Ed e' una cosa che mi piace tantissimo! 
Ciao ragazzi ci vediamo presto! 

Nella foto della cartina in basso a destra potete vedere dove sto andando. Ora sono a Williams... Ancora circa tre ore di bus!

La farm

Comincia oggi la mia nuova avventura in fattoria! Durera' tre mesi, possono essere un tempo lunghissimo o brevissimo! Potro' voler scappare o piangero' quando dovro' lasciarla. Questo lo scopriro' a breve! Spero di avere un minimo di connessione con il mondo. Anche se saro' in mezzo alla natura selvaggia! A 60 km dalla prima casa e negozio! Sara' un esperienza incredibile! Curare gli animali, dargli da bere e da mangiare. Portarli a passeggio e tutto quello che dovro' fare e che ancora non riesco neanche ad immaginare! 

Finita questa esperienza pero' avro' un altro anno di visto che si andranno a sommare ai futuri sei mesi rimanenti del primo! Un tempo cosi lungo, ma anche cosi corto! Amo vivere in Australia! Amo parlare un'altra lingua ( beh, a volte odio parlare un altra lingua) , amo incontrare sempre nuove persone e scambiare con queste le proprie esperienze! Amo la mia vita!

Naturalmente in aereo ieri ho dormito profondamente e non ho scritto nessun post. Ne per voi, ne per salutare i miei amici-compagni di viaggio! Ma li faro' a breve! 

Ciao a tutti! A presto con le foto della mia nuova "casa"!!!

domenica 5 gennaio 2014

Da Melbourne a Perth

Ciao ragazzi! Domani saro' di ritorno nella mia citta' preferita! Perth...
Ho l'aereo dall'aeroporto alle 9 del mattino e arrivero', dopo quattro ore di volo a Perth alle 10... Ahahah, la magia del fuso orario! Perdo solo un ora di vita sull'aereo! Cosi ho tutta la giornata per ritrovare i miei nuovi-vecchi amici della scuola. Questa cosa mi fa molto contento! 
Avro' finalmente anche il tempo, in aereo, per scrivere un paio di post sulla mia esperienza Melbourniana e sul capodanno. Insomma... Domani avrete mie notizie! 
Ciao! Vado a dormire che domani mattina la sveglia e' alle 5 am!